top of page

Artisiti & Divergenti: l'Art Brut

di Gianluca Ferrari



Jean Dubuffet abbandonata la ricca gestione dell’azienda vinicola familiare (delegando

tutti gli affari ad un procuratore) nel 1945 e teorizza, mette in pratica e promuove l' "Art Brut", cioè opere prodotte, senza alcuna preparazione artistica specifica dall’infinita schiera di “artisti loro malgrado”: alienati, emarginati, reclusi, malati di mente, bambini, popoli

primitivi.

Nelle sue opere assumeranno importanza materiali come: catrame, mastice, gesso, ghiaia, calce, ceneri, polistirolo, ecc. Per tutta la sua esperienza di vita incoraggerà il linguaggio grafico della follia e in generale l’espressività non "imbrigliata" dalla "cultura alta" e dalla tradizione, conferendo alla sua ricerca un taglio: estetico antropologico ed etnografico. Corteggiando l’arte come forma di terapia per sopravvivere, raggiungerà l’infinita schiera dei trapassati ,"loro malgrado", tre mesi dopo aver terminato di scrivere la sua biografia.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page