top of page

Artisti & Divergenti: Gabriele Munter

di Gianluca Ferrari


La pittrice Gabriele Munter fu una delle protagoniste del cambiamento della cultura europea d’inizio Novecento. Diceva il suo maestro “Sei un'allieva senza speranza, non ti si può insegnare nulla. Puoi fare solo ciò che è maturato in te”.

Gabriele aveva undici anni in meno del suo maestro e poi compagno Vassili Kandinskij.

Berlinese di famiglia benestante la non “addomesticabile” Gabriele pur intessendo una lunga relazione con Kandinskij, all’epoca coniugato con Anya Cimiakin, non ebbe nessuna intenzione di votarsi alla carriera del “famoso maestro” col “titolo” di giovane fidanzata. Scriveva Vassilij: “Il carattere di Gabriele non poteva andare d’accordo col mio.

E io non ero disposto a fare concessioni”; neanche Gabriele. Tra litigi e dissapori vissero comunque insieme 12 anni, viaggiarono molto, dipinsero, fondarono insieme il movimento espressionista “Der Blau Reiter”, non si sposarono, definirono la loro un “unione di

coscienza”. I due ruppero definitivamente nel 1916: lui s’innamorò di Nina Andreevsky e

la sposò, Gabriele se ne accorse parecchio tempo dopo e la separazione divenne anche artistica, ma pochi sanno che se molte opere di Vassilij ci sono giunte sane e salve è solo

ed esclusivamente per merito della Munter.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page